Includi…LIM!

Includi…LIM! La didattica per la Classe Digitale Inclusiva

Domani mattina parlerò di questo argomento nel corso della seconda giornata del I convegno nazionale Erickson, “La scuola nell’era digitale”.

Includi…LIM è un gioco di parole che ha tre significati profondi, sui quali mi sto interrogando molto in questi ultimi anni, ma ancora di più negli ultimi mesi.

1)      Il primo significato profondo è il termine “includi”. L’innovazione a scuola è stata spesso confusa con la dotazione tecnologica. A livello ministeriale, ma anche scolastico si è sposata spesso una retorica stucchevole sulle tecnologie portatrici di innovazione automatica. A mio avviso invece non può esserci innovazione che non sia anche inclusione. Non esiste alcun passo avanti innovativo nella didattica se non ci si confronta con la complessità dell’attuale, in una prospettiva inclusiva che non uniformi le differenze e le difficoltà con facili risposte pedagogiche e scarne metodologie didattiche. Se la scuola vuole essere innovativa, deve essere inclusiva!

2)      Il secondo termine è “Li”… chi sono questi “Li” indefiniti che si nascondono nell’acronimo LIM? I Li per me non possono che essere i soggetti deboli che trovano nella scuola la loro unica opportunità. Spesso l’inclusione fa pensare al panorama della diversità, della disabilità e dei Bisogni Educativi Speciali. Certo questi sono di diritto fasce di studenti che fanno parte a pieno di diritto del “LI” in oggetto. Sono però anche tutti quegli studenti che vivono il digital divide, che non usano le tecnologie e che non sanno gestire gli strumenti propri del mondo digitale e telematico. Sono i figli di fasce di popolazione che non usano il Web, che non sanno gestire una ricerca in rete, che non sanno approfittare delle occasioni che il mondo della rete mette a loro disposizione. Sono quelli che vivono in zone di Italia in cui Internet non è ancora arrivato. Sono però anche gli insegnanti che non sono in grado di usare le tecnologie, che non riconoscono che per i ragazzi di oggi è inammissibile uscire da una scuola superiore senza avere competenza digitale, senza saper usare le tecnologie senza essere usati dalla tecnologia; sono insegnanti analfabeti digitali che devono riscrivere le regole del loro lavoro e del loro ruolo professionale. L’innovazione non può che partire da qui, dal cercare di cambiare le cose da questo punto di vista, dagli ultimi e dagli esclusi, cioè da quelli che, senza la scuola non avranno un’altra possibilità.

3)      Infine la LIM. Uno strumento non bello, non accattivante, spesso inutilizzato, costoso e ingombrante. L’oggetto dell’innovazione per eccellenza negli ultimi anni, un must have di ogni scuola che si vuole definire innovatrice. Qual è il suo ruolo effettivamente? Usarla sempre e comunque? Che dati abbiamo sul suo utilizzo? Che didattica viene promossa con la LIM in classe e come è possibile farla diventare promotrice di inclusione, se i i dati ci dicono che spesso in realtà la LIM incentiva la didattica trasmissiva?

Domani cercherò di affrontare tutti questi temi in un convegno complesso che ha il merito di fare convivere più anime molto diverse tra loro, in cui con le opportunità didattiche convivono anche i rischi legati all’uso della rete e al cambiamento di studenti, genitori e insegnanti nella società attuale. Nell’incontro di oggi, prima giornata di convegno, hanno discusso di questi temi Matteo Lancini, Michele Facci, Mauro Berti e Gianni Marconato… e se quando uno torna a casa ha voglia di mettersi a scrivere e ragionare su quanto ha sentito, questo è il miglior segno che l’incontro è stato interessante, profondo e motivante. Speriamo di riuscire a fare lo stesso domani!

Francesco

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...